Print Friendly, PDF & Email

QUESITI AGENTI DI COMMERCIO

Di seguito sono riportate le prime 15 Domande che più frequentemente sono richieste a questo Studio dai navigatori che si collegano al nostro Sito. Se non hai trovato la risposta al tuo quesito puoi inoltrare un nuovo quesito a mezzo della pagina autorizzata a mezzo link in fondo alla presente pagina. Ti sarà inviata la risposta personalizzata alla tua E-Mail.

1) Gli agenti di commercio possono detrarre l'IVA sulle autovetture ?
Si, la detrazione è del 100%. Gli agenti di commercio possono detrarre l'IVA per l'acquisto delle autovetture e per le relative spese: manutenzioni, carburanti etc. indipendentemente dal costo e dalla cilindrata.

2) Qual'è il costo massimo detraibile ai fini Irpef dell'autovettura ?
Per gli agenti di commercio il costo detraibile per l'acquisto dell'autovettura è dell' 80% del costo totale con massimo di Euro 25.822 escluso iva, indipendentemente dal tipo di cilindrata dell'autovettura.

3) Può essere detratto l'affitto di casa dall'agente di commercio ?
Si al 50% del costo se nell'abitazione oltre la residenza anagrafica coesiste la sede dell'attività ed una stanza adibita ad ufficio dell'attività stessa.

4) E' detraibile l'IVA sui pedaggi autostradali ?
Si. Per gli agenti di commercio l'IVA dei pedaggi è totalmente detraibile ed il costo all'80%.

5) Le ricevute fiscali dei ristoranti devono essere intestate ?
Si. Per la corretta detrazione tali ricevute devono essere intestate all'agente di commercio di cui detrae solo il costo al 100% (l'iva è indetraibile) per i pasti singoli e 1/3 in 5 anni per i pasti consumati con i clienti od altri in quanto rientrano nelle spese di rappresentanza.

6) Un agente di commercio puo' detrarre i costi di due autovetture ?
Nessuna limitazione di legge e' posta per gli agenti di commercio in forma individuale per la detrazione di costi ed iva di due o piu' autovetture. Bisogna tuttavia considerare che i costi relativi alla seconda autovettura saranno deducibili solo se a operare nell'agenzia sono due o piu' soggetti (dipendenti, sub-agenti, collaboratori). Se opera solo l'imprenditore in ogni caso e' deducibile solo il costo di una'autovettura. Questa considerazione deriva non dalla norma, ma dalla logica: il presupposto dell'inerenza di due o piu' autovetture, nel caso in cui l'imprenditore lavori da solo, non sarebbe verificato.

7) Sono detraibili i vestiti acquistati dagli Agenti di Commercio ?
Non esiste una legge che lo vieti. Precisiamo che si possono detrarre i vestiti acquistati per l'utilizzo dell'attivita' propria di Agente di commercio per le visite ai clienti, meeting etc. certamente non riteniamo opportuno la detrazione della maglieria e capi minimi. La detrazione e' equiparata come le spolverine dei farmacisti o degli operai di un'azienda.

8) La liquidazione FIRR per un'agente di commercio e' soggetta ad IVA ?
No. La quota FIRR liquidata dall'azienda e' fuori dal campo di applicazione dell'IVA Art.2. Ma e' soggetta a ritenuta di acconto del 20%.

9) Esiste differenza fra indennità clientela, e indennita' di fine rapporto?
Si. La indennità clientela spetta all'agente nei seguenti casi: interruzione del mandato da parte della ditta mandante, raggiungimento dell'età pensionabile, decesso dell'agente. Tale indennita è liquidata dalla società mandante. L'indennità di fine rapporto detto FIRR è liquidata direttamente dall'Enasarco e spetta a tutti gli agenti che interrompono il mandato di agenzia.

10) E’ cambiato qualcosa per l’addebito agli agenti dello Star del Credere ?
Si. Secondo gli adeguamenti alle normative europee lo Star del Credere è stato abolito e può essere concordato fra le parti in casi particolari e se deliberatamente espresso negli accordi commerciali fra l’agente e la ditta mandante.

11) Puo' un Agente di Commercio essere anche dipendente di un'azienda ?
No. Ai sensi dell'art.5, terzo comma, della legge 3.5.85 n. 205, l'iscrizione nel ruolo e' incompatibile con l'attivita' svolta in qualita' di dipendente da persona, associazioni o enti, privati o pubblici.

12) Il contributo Enasarco è un costo d'impresa o è similare ai contributi INPS obbligatori ?
Il contributo versato all'Enasarco, per la parte a carico dell'agente, costituisce onere deducibile come qualunque altro contributo previdenziale dovuto dai lavoratori autonomi. Si riporta nel quadro RP del Mod.Unico.

13) Quale percentuale è l'aliquota Enasarco ?
L'aliquota Enasarco è del 6,75% a carico Agente e del 6,75% a carico ditta Mandante.

14) Per l'omesso versamento periodico dell'IVA in quali sanzioni si incorre ?
Per gli omessi versamenti IVA periodici ed acconto si incorre nella sanzione pecuniaria del 30% + gli interessi del 2%. Se regolarizzata entro 30 giorni dalla scadenza la sanzione e' del 3% e gli interessi del 2% (Ravvedimento Breve). Se regolarizzata entro il termine della presentazione della dichiarazione dei redditi la sanzione è del 3,75% e gli interessi del 2% (Ravvedimento Lungo). L'IVA omessa deve essere pagata con il Modello F24 insieme alle sanzioni ed interessi.

15) La numerazione delle fatture di provvigioni deve essere sempre progressiva ?
Si. E' consigliabile avere una numerazione unica progressiva per tutte le fatture però si può tenere anche la numerazione divisa per ogni azienda; in questo caso si devono tenere registri IVA vendite per ogni numerazione ed un registro IVA riepilogativo.

 

Se non hai trovato la risposta ai tuoi quesiti
puoi formulare un nuovo quesito.
Riceverai la risposta personalizzata alla tua
E-Mail entro 48 ore dalla data di pagamento.
Hai diritto all'invio di 1 quesito.

Clicca di seguito per formulare il quesito:

INVIA IL TUO QUESITO