Print Friendly, PDF & Email

ISCRIZIONE / VARIAZIONE UFFICIO IVA

Sommario

1. Inizio e variazione dell'attività
2. Presentazione a mezzo di delegati
3. Presentazione a mezzo posta
4. Sanzioni
5. Attribuzione di partita IVA
6. Sottoscrizione della dichiarazione
7. Opzioni e revoche
8. Modulli ed Istruzioni
9. Iscrizione Iva Venditori Porta a Porta

1. Inizio e variazione dell'attività

Tra gli obblighi dei Procacciatori di Affari ed Agenti di Commercio ai fini Iva vi è la presentazione della dichiarazione riguardante l’inizio attività, e le eventuali variazioni dei relativi elementi, nonché la cessazione dell’attività stessa.
I soggetti che intraprendono l’esercizio di un impresa, (procacciatori o agenti di commercio) nel territorio dello Stato, o vi istituiscono una stabile organizzazione, sono obbligati entro trenta giorni a darne comunicazione mediante apposita dichiarazione all’Ufficio Iva nella cui circoscrizione si trova il domicilio fiscale del contribuente.
La dichiarazione di inizio attività, con quella di variazione o cessazione dell’attività, deve essere presentata in duplice esemplare, in conformità ai seguenti modelli:

- mod.AA7/9: domanda di attribuzione del numero di codice fiscale e dichiarazione di inizio attività, richiesta di duplicato del numero di codice medesimo o di variazione dei dati identificativi e dichiarazione di cessazione dell’attività, da presentare da parte dei soggetti diversi dalle persone fisiche;
- mod.AA9/12: dichiarazione di inizio di attività, di variazione dati e cessazione dell’attività, da presentare, da parte delle persone fisiche.
Si ricorda che le dichiarazioni possono essere presentate a qualsiasi Ufficio diverso da quello competente e telematicamente a mezzo di professionisti intermediari abilitati.

Dalla dichiarazione di inizio attività deve risultare:

- per le persone fisiche, il cognome e nome, il luogo e la data di nascita, la residenza, il domicilio fiscale e l’eventuale ditta;
- per i soggetti diversi dalle persone fisiche, la natura giuridica, la denominazione, ragione sociale o ditta, la sede legale, o in mancanza quella amministrativa, e il domicilio fiscale.
Devono essere inoltre indicati gli elementi di cui al punto precedente per almeno una delle persone che ne hanno la rappresentanza;
- per i soggetti residenti all’estero, anche l’ubicazione della stabile organizzazione;
- il tipo e l’oggetto dell’attività e il luogo o i luoghi in cui viene esercitata anche a mezzo di sedi secondarie, filiali, stabilimenti, negozi, depositi e simili, il luogo o i luoghi in cui sono tenuti e conservati i libri, i registri, le scritture e i documenti prescritti dal decreto Iva e da altre disposizioni;
- ogni altro elemento richiesto dal modello.

Nel caso in cui la variazione comporta nel trasferimento del domicilio fiscale in altra provincia, con la conseguente modifica della competenza dell’Ufficio Iva, la dichiarazione deve essere presentata al nuovo Ufficio ed ha effetto dal sessantesimo giorno successivo alla data di variazione.
In caso di cessazione dell’attività, il termine per la presentazione della dichiarazione decorre, agli effetti della legge Iva, dalla data di ultimazione delle operazioni relative alla liquidazione dell’azienda.

2. Presentazione a mezzo di delegati

Se la denuncia viene presentata a mezzo di persona delegata dal contribuente è necessario compilare la delega scritta in calce al modello, allegare la fotocopia di un documento d’identità del delegante e trascrivere sul modello i dati di un documento d’identità della persona delegata.

3. Presentazione a mezzo posta

La presentazione può essere effettuata a mezzo servizio postale (raccomandata RR). In questo caso dovrà essere allegata la fotocopia del documento di identità del titolare/rappresentante e autenticare la firma in calce al modello.

4. Sanzioni

Per l’omessa presentazione delle dichiarazioni di inizio attività o di variazione dei dati o per la presentazione delle dichiarazioni stesse con dati inesatti o incompleti come ad esempio quelli che non consentono l’identificazione del contribuente o del luogo di esercizio dell’attività o di conservazione dei registri si applica una sanzione da Euro 516 a Euro 2.064. Si precisa che se la dichiarazione viene presentata spontaneamente entro 3 mesi dal termine stabilito non si applicano alcuna sanzione. Nel caso in cui la dichiarazione viene spontaneamente presentata dopo tre mesi ma entro un anno dalla data di commissione della violazione, la regolarizzazione comporta il pagamento di una sanzione di Euro 86 pari ad 1/6 del minimo.

5. Attribuzione della partita IVA

Per le persone fisiche e le società di persone e per gli altri soggetti, la richiesta di attribuzione del numero di partita Iva può essere presentata direttamente al Registro delle imprese competente in base al domicilio fiscale del soggetto richiedente alla condizione che l’ufficio sia stato abilitato a tale servizio.

6. Sottoscrizione della dichiarazione

Tutte le dichiarazioni debbono essere sottoscritte dal contribuente o da un suo rappresentante legale o negoziale. La nullità derivante dall’omissione della sottoscrizione è sanata se il contribuente provvede a sottoscrivere la stessa entro il termine di trenta giorni dal ricevimento del relativo invito da parte del competente ufficio Iva.

7. Opzioni e revoche

A partire dal 7 gennaio 1998 per effetto del D.P.R.442/1997, l’opzione e la revoca di regimi di determinazione dell’imposta o di regimi contabili si desumono da comportamenti concludenti del contribuente o dalle modalità di tenuta delle scritture contabili.
La validità dell’opzione e della revoca è subordinata unicamente alla sua concreta attuazione sin dall’inizio dell’anno o dell’attività.
Il contribuente è obbligato a comunicare l’opzione nella prima dichiarazione Iva annuale da presentare successivamente alla scelta operata.
Nel caso di esonero dall’obbligo di presentazione della dichiarazione Iva annuale, la scelta deve essere comunicata all’ufficio Iva entro il termine di presentazione della dichiarazione Iva. L’opzione vincola il contribuente alla sua applicazione per almeno un triennio e per un anno nel caso di regimi contabili.
Decorso il periodo minimo di permanenza nel regime scelto l’opzione resta valida per ciascun anno successivo.

8. Moduli ed Istruzioni

I modelli AA9/12 e le relative istruzioni possono essere scaricati e stampati sottoforma di File .PDF secondo i segunti links:

MODELLO AA9/12