ACCORDO ECONOMICO NAZIONALE

E' stato siglato tra Confcommercio, Confcooperative (settore commercio), Confesercenti e Fnaarc (la Federazione Nazionale degli agenti e rappresentanti di commercio) e le altre associazioni di categoria degli agenti, il nuovo Accordo Economico Collettivo per il settore del commercio.

Viene rivista l’indennità meritocratica, una delle tre indennità di fine rapporto d’agenzia (le altre sono il Firr, Fondo indennità risoluzione rapporto e l’indennità di clientela) che vengono tutte confermate. L’indennità meritocratica è parametrata sulla durata del rapporto d’agenzia e sull’incremento delle vendite ottenuto dall’agente.

L’indennità suppletiva di clientela e indennità meritocratica sono riconosciute, entro 30 giorni dalla cessazione, subordinatamente alla sottoscrizione, presso la Commissione di conciliazione territorialmente competente, di un verbale di conciliazione sindacale.

In caso di contenzioso fra agente di commercio e casa mandante, si può chiudere la vertenza presso le associazioni sindacali con un valore definitivo per entrambe le parti. Infine, è stato introdotta una migliore tutela, a vantaggio dell’agente, per le riduzioni della zona di competenza, delle provvigioni, dei prodotti e della clientela affidati.

Fra le altre novità:
si precisa definizione del momento di pagamento delle provvigioni,
si puntualizza meglio l’applicazione del patto di non concorrenza post-contrattuale,
si istituisce l’ente bilaterale per assicurare la formazione professionale a tutti gli agenti e rappresentanti.

Consultare l'allegato originale dell'accordo economico.